Trappola per Arvicole

Trappola per Arvicole SuperCat

Sicuro, efficace & facile da usare!

Che tipo di danno possono causare le arvicole?

  • Le arvicole sono parassiti delle piante e mangiano radici, tuberi e bulbi da alberi da frutto, erba, verdure e fiori.
    • Le piante sono disturbate nella loro crescita dal minare e mangiare le radici fino alla distruzione di interi raccolti.
    • Sentieri, passaggi pedonali e marciapiedi possono crollare se minati dalle arvicole.
    • I giardini sono deturpati da mucchi e accumuli di terra.
    • Nei prati e nei parchi i cumuli disturbano e rendono difficile la falciatura.
    • Su pendii e argini le attività delle arvicole possono provocare erosioni pericolose.
    • Trasmissione di malattie o parassiti: pulci, zecche, acari, pidocchi e tenie, ma anche la tenia di volpe, così come la rabbia e l’hantavirus e altre zoonosi. L'infezione da tenia di volpe, rabbia o Hanta può essere fatale nel peggiore dei casi.

   

  

Come riconoscere l'infestazione da arvicola?

    • Le piante danneggiate avvizziscono, cadono o vengono essere facilmente estratte. Nella maggior parte dei casi si trovano nelle immediate vicinanze condotti di arvicola. In corrispondenza dei passaggi si trovano piccoli cumuli di terra allungati.
    • I passaggi dell'arvicola sono ovali, larghi più di 5 cm e puliti con cura. Non ci sono radici penzolanti nel corridoio. Il sistema di passaggi delle arvicole si estende fino a circa 100 mq e con una lunghezza dei passaggi di 50-100 m.
    • I corridoi sono normalmente chiusi.
    • I passaggi delle talpe possono essere spesso riconosciuti dalle linee leggermente alzate e zigzaganti sulla superficie della terra. 

   

Quanti arvicole vivono in una tana?

    • Le arvicole – a parte nella stagione dell’accoppiamento - sono solitarie. La stagione dell’accoppiamento va da aprile a ottobre, così in una tana possano essere presenti i 2 genitori e fino a 6 giovani. Soprattutto da ottobre ad aprile nella tana vive un solo animale.
    • Dopo una cattura, reinserire la trappola finché non viene catturato nessun topo. Per sicurezza, lasciare il buco aperto per un altro giorno. Se il corridoio non viene nuovamente mosso, nessun'altra arvicola vive in questo punto.
    • Se dopo un giorno non ci sono stati altri cambiamenti, il corridoio non è più abitato da un topo. La trappola può essere spostata in altro luogo.
    • Ciò dipende dalla situazione e dalla gravità dell'infestazione. Per un normale giardino di ca. 200-500 metri quadrati dovrebbero bastare da 2 a 4 trappole.

Quanto dura una cattura?

    • Qualora dopo un giorno non ci sono stati movimenti e lo stato della trappola è rimasto immutato, si può desumere che il topo abbia abbandonato la tana. Spostare allora la trappola in altro luogo.

Come distinguere le arvicole dalle talpe?

  • Spesso  nei giardini arvicole, topi di campagna e talpe si presentano simultaneamente.
  • Attenzione! La talpa è sotto protezione delle specie in Germania e in Austria e non deve essere catturata. Non usare la trappola se sono presenti talpe.
  • Talpe e arvicole possono essere facilmente distinte dai tipici e diversi cumuli e tunnel.
Arvicola Talpa
Erdhaufen 
  • Cumulo di terra
  • Piano irregolare
  • Per lo più mescolato ad erba o radici.
  • 2-3 cumuli di grandi dimensioni e diversi di piccole dimensioni.
  • Passaggio laterale.
    • Materiale finemente friabile, viene trasportato all’esterno con la bocca o scavato
    • Alto e rotondo, solo terra e sassi.
    • Molti cumuli di grandezza uguale a intervalli regolari.
    • Dalla metà il corridoio va in giù.

Odori estranei sulle trappole?

    • Le arvicole ed i topi sono molto sensibili agli odori.
    • Trappole nuove possono essere liberate dagli odori inserendole nella terra alcuni giorni prima del loro utilizzo.
    • Lavare accuratamente le trappole che vengono usate con acqua calda. Non usare sapone. Non fumare mentre si sta posizionando la trappola. Lavarsi le mani solo con acqua, senza sapone. Non utilizzare prodotti profumati.
    • La trappola deve essere collocata in un luogo il più inodore possibile, ad es. essere conservato in un capannone arioso. Un garage per auto la presenza di odori di benzina, gas di scarico o del motore è meno adatto. Toccare solo l'estremità superiore della trappola, mai la parte inferiore dell'anello o del cilindro.
    • Indossare guanti durante tutti i lavori con la trappola, non solo per impedire la trasmissione di odori, ma soprattutto per motivi igienici.

Manutenzione della trappola

    • Le trappole, dopo l'uso, vanno lavate solo con acqua. Mai usare saponi o detergenti. Le trappole non vanno mai oliate, nemmeno con olio neutro. L'olio minerebbe il funzionamento della trappola.

L'ingresso della trappola trappola per arvicole è ostruita di terra. Perché?

Spesso si tratta di talpa che rileva la presenza di un corpo estraneo e lo copre di terra. 

Anche le arvicole possono coprire le trappole con terra. Queste raspano però solo la terra nella trappola che non risulta così ostruita come nel caso della talpa. In questo caso pulire e lavare la trappola con acqua. Aspettare un paio di giorni prima di riposizionarla. Si può effettuare delle aperture nel corridoio a circa 15 cm di distanza prima e dopo la trappola al fine di distrarre l'arvicola dalla presenza della trappola.
Nel posizionare la trappola, si può anche distruggere l'intero sistema di gallerie. Calpestare tutti i cumuli di terra e con la sonda distruggere le gallerie più profonde. Anche questa distruzione generale distrae dalla presenza della trappola. Se tutto ciò non porta ad alcun risultato, potrebbe essere utile cambiare tipologia di trappola. 

Arvicole e topi di campagna possono trasmettere malattie all’uomo o agli animali?

Arvicole e topi campagnoli possono trasmettere una vasta gamma di malattie e parassiti: pulci, zecche, acari, pidocchi e tenie, in particolare la tenia della volpe, l'Hantavirus, la rabbia e altre zoonosi. L'infezione da Tenia di volpe, Rabbia o Hanta può nel peggiore dei casi essere fatale. Per questo motivo, usare sempre i guanti nel posizionare le trappole. Le mani e le braccia devono essere accuratamente lavate dopo il lavoro.